mercoledì 19 ottobre 2016

W... W... W... Wednesday#12

Immagine trovata su Google e NON creata da me

Ed eccoci a un nuovo mercoledì, lettori fissi e passanti casuali. Che dire, l'università mi sta prendendo molto e, anche se stimola il mio cervellino in maniera paradisiaca, mi lascia il tempo appena necessario per dedicarmi alle mie passioni e alla mia socialità (che non ha mai avuto particolari esigenze, in ogni casoxD). 
Nonostante tutto, però, tengo botta e per questo riesco a condividere con voi anche questa settimana il mio WWW. Ricordo che questa rubrica consiste nell'elencare i libri letti, in lettura e di prossimo approccio nel corso della settimana, e vi ricordo anche che a crearla non è stata la sottoscritta, che si è solo ispirata al blog Should Be Reading. Come al solito mi piacerebbe moltissimo vedervi partecipare, rispondendo nei commenti (o linkandomi i vostri blog) a queste tre domande:

What are you currently reading? (Cosa stai leggendo?)

What did you recently finish reading? (Quale libro hai appena finito di leggere?)

What do you think you'll read next? (Qual è il prossimo libro che pensi di leggere?)

Eccovi dunque le mie risposte, sperando che possano suggerirvi qualcosa di interessante!

WHAT ARE YOU CURRENTLY READING?


SAVE ME AND I'LL SAVE YOU....

My name is Calla Price, and I’m one half of a whole. 
My other half-- my twin brother, my Finn-- is crazy. 

I love him. More than life, more than anything. And even though I’m terrified he’ll suck me down with him, no one can save him but me.

I’m doing all I can to stay afloat in a sea of insanity, but I’m drowning more and more each day. So I reach out for a lifeline. 

Dare DuBray. 

He’s my savior and my anti-Christ. His arms are where I feel safe, where I’m afraid, where I belong, where I’m lost. He will heal me, break me, love me and hate me. 
He has the power to destroy me. 

Maybe that’s ok. Because I can’t seem to save Finn and love Dare without everyone getting hurt. 

Why? Because of a secret. 

A secret I’m so busy trying to figure out, that I never see it coming. 

You won’t either. 

Finalmente sono tornata a leggere in inglese! Erano mesi che ormai non lo facevo e temevo di essere regredita a un livello di prima elementare, invece tutto sommato le mie "abilità" sono rimaste intatte. Vorrei tornare alla buona abitudine di leggere un libro in inglese al mese, ma adesso mi accontento di aver ripreso una buona abitudine.
Tralasciando la lingua, il romanzo si presenta come molto intrigante, sensazione aumentata, fra l'altro, dalle miriadi di recensioni positive e sconvolte sparse sul web. Io non mi esprimo (presto vi arriverà la recensione!), vi dico solo che nutro un certo sospetto e vi dirò, in futuro, se sarà confermato o meno (ovviamente senza fare spoiler!).

WHAT DID YOU RECENTLY FINISH READING?


Hertfordshire, 1848. La brina ricopre i campi e le strade quando Amy Snow, la mantella stretta per difendersi dal gelo, si allontana da Hatville Court, la casa in cui ha vissuto per ben diciassette anni. L’unica persona che lei abbia mai amato, Aurelia Vennaway, figlia unica di Lord Charles e Lady Celestina Vennaway, una delle famiglie più in vista della contea, giace sotto sei piedi di terra in un angolo silenzioso del camposanto. E a Amy non resta che svanire come un’orma che si discioglie nella brina. Era stata proprio Aurelia a trovarla, diciassette anni prima, in una tersa mattina di gennaio in cui l’aria era tagliente come vetro. L’aveva vista agitarsi nella neve, minuscola neonata con la pelle fredda come gelatina di fragole, piccolo essere glabro e azzurrino abbandonato ai margini di una foresta inospitale. L’aveva battezzata Snow, perché era piena di neve, e Amy, perché era il nome della sua bambola preferita. E l’aveva portata con sé, a Hatville Court, la dimora dei suoi da tempo immemorabile. Erano cresciute insieme, Aurelia e Amy, come due sorelle inseparabili. Perché così si consideravano, loro. Ma a Hatville Court, e nell’intero villaggio, Amy poteva essere, a seconda dei giorni, degli umori della servitù e dei pregiudizi dei Vennaway, una giovinetta rispettabile o una vagabonda, una sorella o una sguattera. E ora, con la scomparsa di Aurelia, non può più restare nella grande dimora dei Vennaway, divenuta un luogo ostile e inospitale. Abbandonarla è un grande dolore, una pena che si aggiunge a quella che l’affligge da sempre: non sapere chi siano stati i suoi genitori, non avere nemmeno un frammento di informazione su di loro: un nome, la forma di un naso, la canzone prediletta... una cosa qualsiasi. Ad Amy non resta che mettere da parte il dolore e rivolgersi con determinazione al compito che Aurelia le ha affidato poco prima di morire: decifrare una serie di lettere contenute in un pacchetto occultato con cura, lettere che contengono un segreto cui Aurelia non ha mai fatto cenno quando era in vita. Lettera dopo lettera, Amy esegue diligentemente il compito per imbattersi in sorprendenti verità, che saltano fuori una dopo l’altra dall’armadio del passato, e hanno a che fare con i segreti più intimi di Aurelia e con la sua stessa misteriosa origine.

«Questo affascinante personaggio mi ha stregato, e la sua storia è così avvincente che non si riesce a smettere di leggere. Una vera delizia!».
Kathleen Grissom, autrice di Il mondo di Belle

«Amy Snow è scritto con calore e attenzione al dettaglio. Ma, soprattutto, offre un tenero, struggente ritratto della vera amicizia».
Historical Novel Society

«Tracy Rees è la nuova, eccezionale voce del romanzo storico».
Lucinda Riley

Di Amy Snow ho pubblicato la recensione giusto lunedì, quindi non mi dilungo. Per chi volesse la sintesi, eccovi serviti: un libro molto gradevole e che indaga dei temi interessanti, che viene però - purtroppo - ostacolato da alcuni difetti che ne limitano la lettura. In sostanza, promosso!


WHAT DO YOU THINK YOU'LL READ NEXT?


Il romanzo è un'esplorazione attenta della prima realtà verso le sorgenti non inquinate della vita. L'isola nativa rappresenta una felice reclusione originaria e, insieme, la tentazione delle terre ignote. L'isola, dunque, è il punto di una scelta e a tale scelta finale, attraverso le varie prove necessarie, si prepara qui, nella sua isola, l'eroe ragazzo-Arturo. È una scelta rischiosa perché non si dà uscita dall'isola senza la traversata del mare materno; come dire il passaggio dalla preistoria infantile verso la storia e la coscienza.

Bene, bene, originalità saltami addossoxD Avevo detto che sarebbe stata la prossima lettura già nello scorso WWW e invece niente, nisba. Continuo però a volerlo leggere, quindi spero di potervi dare notizie differenti la settimana prossima:)

E con questo è tutto! Vi invito, ancora una volta, a lasciarmi le vostre risposte nei commenti o, in alternativa, a lasciarmi il link ai vostri blog. Io verrò sicuramente a dare una sbirciatina, a caccia di consigli:)

Virginia




22 commenti:

  1. Nocte l'ho inserito in wish list da poco, ma mi ispira davvero tanto e sono curiosa di leggere la tua recensione!!! :)
    Ti lascio il link al mio www, se ti va di passare a curiosare :)
    http://theroadtohellispavedwithbooks.blogspot.it/2016/10/wwwwednesday32.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero di poterti essere utile allora:) La recensione dovrebbe uscire in questi giorni, devo solo trovare il tempo di scriverlaxD
      Passo subito a curiosare!

      Elimina
  2. Ciao Virginia :) Nocte non lo conosco, ma credo che non sia nelle mie corde. Amy Snow, come ti ho scritto sulla recensione, non vedo l'ora di leggerlo *_* e anche L'isola di Arturo sarà una mia prossima lettura, anche se non so quanto prossima xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria:) Nocte è particolare, ha un po' del thriller in effetti, ma non credo che sia nelle tue corde. Poi fammi sapere per Amy Snow, che sono curiosa di sapere la tua opinione:)

      Elimina
  3. Nocte sembra interessante! Lo aggiungo subito in WL ;)
    Se ti va il mio www http://bookscanchangeus.blogspot.com/2016/10/wwwwednesday-191016_19.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti la trama è molto intrigante:)
      Passo subito!

      Elimina
  4. Nocte l'ho appena visto in un altro WWW ed è finito in WL!
    Della Morante vorrei leggere LA storia
    Qui il mio www se ti va di passare http://librialcaffe.blogspot.it/2016/10/www-wednesday-n82.html

    RispondiElimina
  5. Nocte ce l'ho nel Kobo da almeno un anno, l'ho preso attirata dalla copertina e poi è semplicemente rimasto lì. Ho letto recensioni entusiaste del primo che sono andate calando col secondo e il terzo, ora non so se avvicinarlo... aspetto il tuo parere!

    Se ti va di passare ti lascio il mio WWW

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ce l'avevo da secoli, poi ho letto la recensione di Chiara Cilli e, boh, ho deciso che era giunto il momento:)
      Guarda a me non ha fatto impazzire - anche se spiegherò meglio le mie ragioni nella recensione - e non andrò avanti con la trilogia, a maggior ragione se mi dici che le recensioni dei restanti volumi sono in calando.
      Passo subito:)

      Elimina
  6. Ciao cara Virginia, a proposito di Nocte, che bella sorpresa venire qui e scoprire che lo stai leggendo! Pochi giorni fa ho letto la recensione di Chiara Cilli e sono rimasta a bocca aperta. Nonostante io conosca le lingue, non ho l'abitudine di leggere in inglese ma ogni volta che vedo perle del genere, mi vengono le lacrime agli occhi perchè vorrei iniziare a leggere all'istante! XD
    Non vedo l'ora di leggere cosa ne pensi, la recensione che ho letto in precedenza mi ha davvero intrigato, ma proprio parecchio, quindi non mi resta che accogliere le tue impressioni di cui mi fido!
    Un abbraccio! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonietta! Ma lo sai, anch'io sono stata colpita dalla recensione di Chiara Cilli, che mi ha spinta a prendere in mano un libro comprato anni fa. La storia è assolutamente dark e d'effetto e credo che potrebbe piacerti. A breve, comunque, arriverà la mia recensione, sperando di dare un parere il più bilanciato possibile.
      Un abbraccio!

      Elimina
  7. Wow virginia mi stai proprio facendo brillare gli occhietti con Nocte, voglio leggerlo da una vita ma ho sempre aspettato la pubblicazione italiana perchè sono un po' pigra sono sincera ma magari la tua recensione mi farà capitolare, la aspetto eccome in trepidante attesa <3 ecco le mie risposte http://ilregnodeilibri.blogspot.it/2016/10/w-w-w-wednesdays_19.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Ely, credo che in Italia non lo vedremo mai, neanche con il binocoloxD Si era parlato di una traduzione anni fa ma la cosa è caduta nel dimenticatoio e credo che ci rimarrà. Il livello d'inglese non è inaccessibile, comunque, e io non sono certo una cima!
      Passo subito a vedere da te:)

      Elimina
  8. Elsa Morante e il suo grande classico. Un affresco di vita. Bella scelta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie:) Della Morante ho di recente letto anche La Storia, una sorpresa meravigliosa. Spero che L'isola di Arturo mi piaccia ugualmente - o anche di più, chi lo sa?

      Elimina
  9. Mio dio! La copertina di Nocte è bellissima! *.*
    se ti va http://angelsbook-reader.blogspot.it/2016/10/w-w-w-wednsday9.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti è abbastanza d'effetto:)
      Passo subito!

      Elimina
  10. L'isola di Arturo ce l'ho in WL da sempre, credo....ma allora perchè non l'ho ancora letto??
    Misteri a cui non so dar risposta! :P

    RispondiElimina
  11. Eccomi!!! Anche se in ritardissimo ci sono.
    Ma quanto è bella la cover di Nocte?! Mi ha attirato subito, non lo conoscevo quindi ora corro a inserirlo in wishlist

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non preoccuparti:)
      Si, la cover è assolutamente intrigante e se poi leggi la trama la frittata è fattaxD

      Elimina