lunedì 15 maggio 2017

Recensione: A Darker Shade of Magic di V.E. Schwab

Titolo: A Darker Shade of Magic
Autore: V.E. Schwab
Casa editrice: Titan Books
Numero di pagine: 401
Formato: Digitale
Acquista QUI

Most people only know one London; but what if there were several? Kell is one of the last Travelers—magicians with a rare ability to travel between parallel Londons. There’s Grey London, dirty and crowded and without magic, home to the mad king George III. There’s Red London, where life and magic are revered. Then, White London, ruled by whoever has murdered their way to the throne. But once upon a time, there was Black London...

Buon lunedì a tutti cari lettori:)

Io sono finalmente riuscita a dare l'esame di Storia Romana, quindi torno a leggere, a recensire e a vivere dialogare con voi.
Da un po' di tempo sentivo il desiderio di ricominciare a leggere in inglese con un po' di costanza e la mia scelta è ricaduta su una trilogia molto nota anche qui da noi. Grazie ai moltissimi commenti positivi degli altri intrepidi lettori nostrani che si lanciano in avanscoperta per riportarci le migliori chicche straniere mi sono lasciata incantare da questa storia di mondi paralleli, magia e tradimenti.

"It was believed that the power there not only ran strong in the blood, but pulsed like a second soul through everything. And at some point, it grew too strong and overthrew its host."

Il primo personaggio che incontriamo è Kell. Capiamo fin da subito che è una persona assolutamente fuori dal comune: ha un cappotto che, rivoltato, presenta innumerevoli facce; riesce a viaggiare fra i mondi, facendo da tramite fra i vari sovrani; è un Antari
C'è un buco nel suo passato, un mistero da svelare che in questo primo romanzo non trova scioglimento ma che, ne sono sicura, sarà alla base dei due prossimi libri.
Uno degli aspetti fondamentali del libro è la coesistenza di diversi mondi. La loro particolarità è che in ogni dimensione c'è una Londra, ognuna delle quale con proprie caratteristiche, addirittura una propria essenza, che Kell riesce ad avvertire e a distinguere e che lo porta a dare a ognuna di loro una propria classificazione: c'è la Londra Grigia, praticamente priva di magia e probabilmente la più vicina alla nostra (anche se siamo in un passato non fissato cronologicamente); c'è la Londra Rossa, dove è nato lo stesso Kell, potente e piena di magia; c'è la Londra Bianca, che sa di sangue e cenere, un mondo prosciugato, in rovina, dove gli abitanti sono pericolosi e famelici; e infine c'è la Londra Nera, ma questa è solo una favola dell'orrore che ci si racconta a lume di candela, una realtà talmente lontana del tempo che ormai quasi tutti l'hanno dimenticata.
Ma non tutti e Kell è un Antari: la magia gli appartiene, gli scorre nelle vene, lo ha marchiato (ha un occhio completamente nero e uno blu). Soprattutto, è uno degli ultimi e rarissimi maghi capaci di viaggiare fra i mondi. Oltre a lui c'è solo il pericoloso Holland, che proviene dalla Londra Bianca.

"Why? he though, suddenly angry at himself- Why did he always do this? Step out of safety and into shadow, into risk, into danger?"

Kell è un personaggio inquieto. All'apparenza ha tutto: è un principe, il re e la regina lo hanno adottato quando aveva 5 anni e Rhy, il futuro re, lo considera un fratello. Ha ricchezza, prestigio, potere. Eppure, nonostante ciò, c'è qualcosa che lo spinge continuamente a sfidare i limiti e le regole, anche se in maniera completamente innocua. Ma le regole ci sono per un motivo e Kell se ne renderà conto nel peggiore dei modi: mettendo in pericolo sè stesso e tutti ciò che ama. Sua è la responsabilità e sarà lui a dover rimediare al danno compiuto.
Ma ogni cosa ha un prezzo, soprattutto quando è coinvolta la magia.

" << (...) The first thing about magic that you have to understand, Lila, is that it is not inanimate. It is alive. Alive in a different way than you or I, but still very much alive. >> "

La magia non è docile e obbediente. La magia ha una sua volontà, è pericolosa. La magia divora.
Come sta succedendo nella Londra Bianca.
Com'è già successo nella Londra Nera.
Perfino un Antari deve stare molto attento, perchè rischia di perdere l'equilibrio, e l'equilibrio è la base nel controllo della magia.
Fortunatamente ad affiancare Kell c'è Lila Bard, che di magia non sa assolutamente nulla ma che in compenso è irriverente, con i piedi per terra e anche piuttosto pericolosa.

"The world was hers.
The worlds were hers.
And she was going to take them all."

A farli incontrare è un caso, ad unirli la necessità: Lila ormai sa troppo e non ha nessuna intenzione di farsi mettere da parte; un vincolo li lega, si sono salvati vicendevolmente la vita. E, nonostante tutto, se non ci fosse stata Lila Kell chissà dove sarebbe.
Lila mi è piaciuta molto. Ha un obiettivo e farebbe di tutto per raggiungerlo. Non ha pietà (o rispetto) per nessuno, è abituata a lottare per vivere e non si fa scoraggiare da nulla. Kell, con il suo talento per cacciarsi in situazioni pericolose e la faccia tosta che ha è il suo perfetto compagno. Si beccano, si aiutano, si prendono in giro; alla fine, forse, si vogliono quasi bene.
I veri personaggi che bucano la pagina, però, sono quelli negativi.
Innanzitutto Holland, che ho amato moltissimo e per cui mi sarebbe piaciuta una maggiore attenzione. Anzi, vorrei tantissimo leggere un libro spin-off con lui come protagonista*-*
E poi, ovviamente, i terribili Athos e Astrid Dane, i monarchi della Londra Bianca. In generale, tutta la Londra Bianca è il perfetto palcoscenico di un film dell'orrore e credo che avremo futuri sviluppi.
Il romanzo è autoconclusivo, ma lascia il desiderio nel lettore di continuare con la lettura (ovviamente ho già comprato il seguito, ihih).
Sono stata felice non solo di riprendere a leggere in inglese ma soprattutto di ricominciare con questo romanzo. Una storia oscura come piace a me, dove la magia è un'entità terribile e potente e ogni personaggio nasconde un segreto. Avventura, colpi di scena e tradimenti. Se ancora non l'avete letto, dategli una possibilità!

Virginia





21 commenti:

  1. Non leggo la recensione finchè non lo finisco.... ma! Che bello è???
    W i Dane!!!!!!! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so, è bello*-*
      Ma tu sai che io ho un amore per Holland*-*

      Elimina
  2. Ciao! Ti faccio i complimenti per l'esame di Storia Romana...gli esami di storia all'Uni sono sempre piuttosto tosti!
    Anche leggere in inglese, però, non è per niente facile :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie:) In effetti è un esame che mi ha mandata discretamente in crisi, però mi è piaciuto. Solo, ero un attimo impazzita nell'ultimo periodo (ansia galoppante)xD
      No, dai, non è così difficile, se ci riesco io possono farcela davvero tutti, sono sempre stata una pippa nelle linguexD

      Elimina
  3. L'ho già puntato, sono solo indecisa se aspettare l'edizione italiana - che è stata annunciata - o fiondarmi sull'inglese!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me conviene in inglese, che hai già la trilogia conclusa. Così se ti piace la divori e bastaxD

      Elimina
  4. VOGLIO LEGGERLO, VOGLIO LEGGERLO, VOGLIO LEGGERLO!!! Mi sono frenata pensando che fosse complicato per me, che sto recuperando il mio inglese tra i meandri oscuri della mente, ma sono troppo curiosa!!! Deve essere davvero avvincente. Mi sembra che dovrà uscire anche in Italia per la GIUNTI ma non so quando. Ora devo solo: 1) comprarlo, 2) trovare il tempo di leggerlo, 3) armarmi di santa pazienza e di un vocabolario!!! Prima o poi arriverò anche a questo volume ;-) BELLA RECENSIONE!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. LEGGILO.
      Guarda, l'inglese mi è sembrato abbastanza semplice (e conta che io non sono proprio una cimaxD), se poi leggi in eBook è ancora più immediato, basta cliccare sulla parola e compare il vocabolario:)

      Elimina
  5. aaawwww una bellissima recensione per uno dei miei romanzi preferiti in assoluto !! *-* Sono ossessionata da questa serie, anche se ancora non sono riuscita a trovare il momento adatto per leggere gli altri due volumi ... XD Sono proprio felice che arriverà anche in Italia! ^-^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie*-*
      Io ho già comprato il secondo, aspetto solo il momento giusto per iniziarlo!

      Elimina
  6. Bellissima recensione!
    Io sono indecisa se leggerlo in inglese o aspettare l'edizione italiana ;__; se riesco a trovare l'ebook però, penso che lo inizierò presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie:)
      Io andrei direttamente in inglese, così se ti piace puoi concludere subito la trilogia senza aspettare i tempi biblici delle traduzioni;)

      Elimina
  7. L'ho preso in ebook qualche tempo fa: approfittando di un'offerta su amazon, mi è venuto a costare solo 90 centesimi o poco più...
    Inutile dire che non vedo l'ora di iniziarlo: la tua descrizione dei cattivi e, soprattutto, della protagonista, mi ha già intrigato da impazzire! *____*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io ho usufruito dell'offerta:)
      I cattivi sono magistrali, da brividi proprio O.O Lila è meravigliosa ma vedrai che ti innamorerai anche di Kell*-*

      Elimina
  8. Ciao Virginia! Una bella recensione di un libro che attraverso le tue parole non posso dire che non mi incuriosisca! Non lo conoscevo nè ne avevo letto altrove altre opinioni, ma è bastata la tua per intrigarmi davvero tanto.
    Un abbraccio! :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! In realtà è un libro piuttosto chiacchierato (almeno, io sono anni che sento decantare questa trilogia) e, soprattutto, è spesso in offerta su Amazon, quindi l'occasione era ghiotta:)
      Se poi lo leggi, fammi sapere che ne pensi:-*

      Elimina
  9. Ciao Virginia! Complimenti per l'esame, Storia romana è stato uno dei miei preferiti all'università :)
    Il libro sembra molto, molto interessante, ma non mastico molto l'inglese, purtroppo, e per ora devo rinunciarci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria! Grazie mille:) Anche a me è piaciuto molto però è stato impegnativo, nulla da direxD
      L'inglese non è proibitivo ma capisco la tua esitazione, io ci ho messo anni per riuscire ad approcciarmi a un libro in inglese:(

      Elimina
  10. Una digressione: ricordo l'esame di Storia romana come un momento difficile, emozionante, formante, esaltante. Ricordo di averlo superato con un sospiro di sollievo. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il sospiro di sollievo c'è stato senz'altro. Ma è un esame che mi ha dato molto da riflettere e credo che, nonostante tutto, sia un bene che ancora si studi la Storia Antica.

      Elimina
    2. Concordo pienamente. Difatti è uno dei migliori miei ricordi universitari.

      Elimina