mercoledì 1 marzo 2017

CineRecensione#4 Interstellar

Anno: 2014
Pellicola: Colore
Durata: 169 min
Regia: Christopher Nolan

In un futuro imprecisato, un drastico cambiamento climatico ha colpito duramente l'agricoltura. Un gruppo di scienziati appartenenti un tempo alla NASA, sfruttando un "wormhole" per superare le limitazioni fisiche del viaggio spaziale e coprire le immense distanze del viaggio interstellare, organizza una serie di missioni spaziali alla ricerca di un pianeta abitabile. A tal scopo convince Cooper, un ex pilota di talento, a lasciare i propri figli per imbarcarsi in una missione che ha lo scopo di salvare l'umanità.


Non andartene docile in quella buona notte,
I vecchi dovrebbero bruciare e delirare al serrarsi del giorno;
Infuria, infuria contro il morire della luce.
Dylan Thomas

Fra una cosa e l'altra, è il primo film di Nolan che recensisco qui sul blog, e l'ultimo suo che ho visto, anche se con qualche anno di ritardo.
Con questa pellicola, Nolan si riconferma assolutamente come uno dei miei registi preferiti: un visionario e una mente contorta a un tempo, che mescola sapientemente effetti speciali e rapporti umani. 
Nella trilogia di Batman (Batman Begins, Il cavaliere oscuro, Il cavaliere oscuro - Il ritorno) si concentra sul protagonista e sulla sua maturazione interiore, percorso che durerà tre film e che, in un qualche modo, dovrà concludere un cerchio prima di poter andare avanti; in Inception è l'elaborazione del lutto il tema portante, insieme al contorto subconscio umano. Qui i temi affrontati sono il rapporto padre/figlia, l'eterna tensione dell'uomo verso l'ignoto e il rapporto ambivalente con la nostra Terra, madre e matrigna.
Ma vediamo tutto un po' più nel dettaglio.
Siamo in un futuro non meglio identificato, America. La Terra è drasticamente cambiata. Una misteriosa "piaga" l'ha colpita: le colture muoiono e frequenti tempeste di sabbia impolverano il mondo, penetrando nei polmoni e rendendo sempre più difficile respirare. In questa situazione di emergenza, ogni tentativo precedente dell'uomo di espandersi nello spazio è stato abbandonato, distorto, dimenticato; dal cielo si è tornati alla terra, che si è inaridita.
In questa realtà vivono Copper, ex pilota, i suoi due figli (Tom e Murphy) e il suocero, Donald; la moglie è morta da tempo. Quando strani fenomeni iniziano ad accadere, Cooper viene coinvolto in una missione disperata e suicida organizzata da ciò che resta della NASA: una spedizione nello spazio nell'estremo tentativo di trovare un nuovo pianeta in cui poter vivere per un'umanità ormai allo stremo.


Quella di Nolan è un'epopea spaziale. Una manciata di coraggiosi rischia il tutto per tutto alla ricerca di una speranza per il mondo. Fin dall'inizio, però, il mistero e i sentimenti si intrecciano al dovere, fino alle estreme conseguenze: il fine giustifica i mezzi?
Cooper è dilaniato fra il proprio dovere di uomo e il suo ruolo di padre. Risucchiato nello spazio profondo, il tempo cambia, si trasforma, e ogni minuto acquista un significato spropositato, perchè l'equivalente sulla Terra è esponenziale. Gli anni passano e il suo rimpianto più grande, il rimorso che sempre lo ferisce e mai lo abbandona è l'aver abbandonato i figli, soprattutto la più piccola, Murph.
Murph è l'altra protagonista del film. L'amore e l'ammirazione che da bambina prova per il padre si vena di rancore con il passare degli anni, quando le notizie non arrivano più e il suo ritorno sembra ormai impossibile. Coinvolta profondamente nei lavori della NASA, è infelice e inquieta. 
Il filo che unisce padre e figlia è la chiave di volta per la comprensione di un film che, nel migliore stile Nolan, si nutre soprattutto dei dettagli e che riesce a mostrare un quadro finale assolutamente sorprendente e inaspettato.
L'altro grande tema del film è la strenua lotta per la sopravvivenza.


Magistralmente espresso dai versi di Dylan Thomas, che torneranno nella scena culminante di tutto il film, il messaggio giunge lo spettatore con grandissima efficacia.
Infuria, infuria.
Non lasciare che la morte ti prenda senza colpo ferire, ma combatti, aggrappati con le unghie al giorno e alla vita. L'istinto di sopravvivenza è uno dei fondamenti della vita, è la risposta spontanea a qualcosa che ci è ignoto ed estraneo. Tutto il film è una celebrazione alla lotta, alla "furia", all'ostinato desiderio di vivere.

"Un tempo per la meraviglia alzavamo al cielo lo sguardo sentendoci parte del firmamento, ora invece lo abbassiamo preoccupati di far parte del mare di fango."

L'uomo è tale perchè rifiuta i suoi limiti, la letteratura ce l'ha detto per la prima volta secoli fa. In questo caso, l'istinto di sopravvivenza, ciò che abbiamo di più animalesco in assoluto, prevale sul desiderio di onnipotenza, sulla brama di conoscenza. La terra non è che un "mare di fango", ma noi ci accontentiamo. 
Nolan ci dice però che la grandezza ha sempre un prezzo.



Il film mi è piaciuto moltissimo. Come già ho detto, Nolan mescola il senso del meraviglioso e dell'eccezionale con il tumulto di umanissimi sentimenti. Gli attori sono stati tutti all'altezza della situazione, a mio parere, e il finale è in perfetto stile Nolan: aperto, senza che ogni domanda abbia avuto necessariamente risposta. Perchè la storia - e la vita - non hanno un vero finale ma sono un continuo fluire verso il futuro. A chiudersi sono i "cerchi" dentro di noi: ognuno di noi ha un proprio percorso da seguire, piccoli passi che, un poco per volta, lasciano indietro le antiche ferite e chiudono con il passato, una volta che ci si è scesi a patti. Solo allora siamo pronti per avanzare, altrimenti saremo condannati a percorrere sempre le stesse strade, a provare sempre gli stessi sentimenti e a incontrare sempre le stesse persone, fino a che non ce ne andremo docili nella "buona notte".

Virginia


14 commenti:

  1. Ciao Virginia! Non ho visto il film perché prima dovrei veramente vincere la mia ritrosia nei confronti della fantascienza...ma da quello che hai detto sembra proprio una pellicola interessante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao:) Guarda, questo film della fantascienza in stile Star Wars (se è la fantascienza a cui ti riferivi) non ha proprio niente.
      In caso, fammi sapere se ti è piaciuto!

      Elimina
  2. Come ti avevo detto sapevo che ti sarebbe piaciuto questo film, è davvero bello, un po' lungo forse ma non te ne accorgi mentre lo guardi perchè sei talmente presa che è normale che il tempo passi così.
    Amo questo genere di film e poi be... Nolan! <3
    p.s. finalmente un film che conosco! brava continua così!!! :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah, che devo dirti, io spazioxD
      Nolan è fantastico, lo amo e voglio vedere tutti i suoi film*-*
      Si, lungo è lungo, però vola ed è davvero super intrigante!

      Elimina
  3. Non è proprio il mio genere, zero totale xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. CapitaxD Se ti capita, però prova a dargli una possibilità!

      Elimina
  4. Bella recensione, Virginia.
    Avevo già intenzione di vedere il film, ora ne sono assolutamente convinta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie:) Poi vieni a dirmi se ti è piaciuto!

      Elimina
  5. Ciao cara Virginia. Sono rimasta davvero colpita da questa recensione, ad essere sincera molto ma molto più delle altre riguardanti i film. Prima di tutto, adoro anche io Nolan come regista, proprio per gli stessi motivi che hai descritto tu e per la sua capacità di mostrare le sfumature multicolori della realtà e dell'animo umano, senza preoccuparsi se le tonalità siano chiare o troppo scure.
    Questo film... non immaginavo fosse così bello!
    Me ne sono innamorata grazie alle tue parole. E' come se lo avessi visto. Sei stata bravissima a raccontarlo e a spiegare tutto ciò che Nolan ha inteso trasmettere attraverso questa pellicola.
    Mi è piaciuto molto il tuo modo di parlare della terra e della sopravvivenza. Per non parlare dei versi di Thomas con quell'infuriare.
    Le tue riflessioni sono interessantissime e mi fanno vedere questo film attraverso una lente privilegiata grazie alle tue spiegazioni e soprattutto pensieri.
    Sono cotta! <3
    Un abbraccio forte e grazie per le emozioni che mi ha regalato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie*-*
      Sono certa che lo adorerai, davvero! Nolan è davvero bravissimo e il modo in cui, qui, ha intersecato film e poesia (io AMO quando ci infilano le poesie, nei film come nei libri - poesie pertinenti, ovvio!) è sublime. Una poesia davvero molto bella, fra le altre cose, se ti capita dalle una letta:)

      Elimina
  6. Ciao Virginia! Sei bravissima anche a recensire i film e mi fai appassionare a generi che di solito non prendo in considerazione. L'ultimo film di fantascienza che ho visto è stato Passengers, uscito quest'anno, e non mi è piaciuto per niente.
    Interstellar invece già mi incuriosisce per il rapporto padre-figli, quindi è molto improntato sul lato umano, e poi il messaggio che il film vuole trasmettere è sublime, infatti concordo su ogni parola dell'ultima parte della recensione.
    Lo voglio vedere assolutamente, grazie del consiglio :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria, grazie*-*
      Guarda, a parte Star Wars io non guardo mai fantascienza di solito, ma ti assicuro che questo film merita davvero tanto (Nolan in generale merita davvero tanto, se ti capita un qualunque suo film GUARDALO!).
      Di Passengers ho visto il trailer ma non m'ispira troppoxD Comunque, mi è sembrato molto differente da Interstellar.
      Se poi lo vedi fammi sapere se ti è piaciuto, mi raccomando!

      Elimina
  7. WoW. Devo fare una confessione, io amo i film di fantascienza più di commedie o thriller, anzi, gli ultimi proprio non li vedo mai. Questo pensavo di prenderlo in DVD e con la tua recensione mi hai convinta ancora di più a vederlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I thriller non fanno impazzire neanche me (sono una fifonaxD) e le commedie sono molto carine!
      Interstellar è pazzesco. DEVI vederlo. E poi ovviamente passa a dirmi cosa ne pensi;)

      Elimina