sabato 3 dicembre 2016

Sul monte Olimpo, attraverso le divintà Book Tag



Salve a tutti, lettori e buon sabato! Recupero solo oggi un vecchissimo (ma interessantissimo!) Book Tag. Ringrazio per il Tag Autumn del blog L'ennesimo Book Blog, che vi consiglio caldamente di andare a visitare! La creatrice del Tag è però la blogger di Il Mondo Di Sopra:)
Comincio subito, perchè di punti ce ne sono parecchi e vorrei riuscire ad essere il più concisa possibile (non ci crede nessuno).

1. Chaos: il nulla da cui tutto proviene. La prima serie di cui ti sei innamorata.

Non c'è neanche da chiedermelo, pensoxD Qui sarò noiosa e poco originale (Autumn ha dato la stessa risposta ad esempio), ma c'è poco da fare: la passione per la lettura mi nasce con Harry Potter (con precisione dal terzo, il primo che ho letto - lunga storia) e non me ne vergogno assolutamente. Non so quante volte l'ho riletta, abbastanza da rovinare irrimediabilmente i primi libri, abbastanza da lasciarci un pezzo di me.


2. Gea: Madre dei Titani. Il libro che, nonostante gli anni, rileggi volentieri.

Parlando di un altro ricordo d'infanzia, non posso non pensare subito a Piccole donne, un libro piccolo ma denso di emozioni e insegnamenti. Qua si trovano l'amicizia, l'amore, la generosità, l'adolescenza che lotta per divenire giovinezza, la religione (e io sono atea). Un libro che scalda il cuore, insomma, e che a ogni rilettura ti dà l'idea di tornare a casa, quanto Hogwarts, sebbene in modo diverso.


3. Tartaro: Dio oscuro. Un libro o una serie che hai sopravvalutato.

Ecco, qui sono stata proprio scema-.-
La saga Malazan dei Caduti di Erikson è famosissima fra i fantasy. Considerata imperdibile per i veri amanti del genere, è tristemente nota per la sua discontinua vicenda editoriale (ora conclusasi con successo grazie all'Armenia) e per la sua intrinseca difficoltà. Non badando agli avvertimenti - che pure giungevano da ogni dove - mi sono comprata, presa dall'entusiasmo, cinque libri di pacca. CINQUE. In CARTACEO.
Tanto perchè capiate, è quasi un anno che sono ferma al secondo, con voglia zero di passare al terzo.

4. Zeus: Re e padre degli Dei. Il primo libro che ti ha fatto diventare una lettrice.

Ebbene, che vi avevo detto? Harry Potter ha davvero un posto speciale nel mio cuore e il terzo libro in particolare. Non è stato il primo libro che ho letto, ma è stato il primo libro che ho amato e che mi ha fatto desiderare di leggere ancora.
Mi è stato regalato da un mio zio per il mio ottavo compleanno e da lì è iniziata un'avventura lunga più di 10 anni che è arrivata fin qui e che, ne son sicura, proseguirà per sempre (almeno finchè ci sono:)).

5. Poseidone: Dio del mare. Un libro che parla di creature o ambientazioni acquatiche.

Vi ho parlato spesso di Juliet Marillier ma non sono mai scesa nel dettaglio. Ecco, colgo l'occasione per farlo, anche se brevemente, ora.
La serie di Sevenwaters è composta da sei titoli, tre dei quali tradotti (ma quasi impossibili da reperire) in italiano. Io ho avuto la fortuna di comprarli e leggerli in cartaceo. E di innamorarmene. Tanto che, anni dopo la lettura, ho deciso di proseguire in lingua. E ho fatto benissimo, perchè ho letto - fra gli altri - Seer of Sevenwaters, il mio preferito della serie insieme al primo. In questo caso ci troviamo davanti un libro un po' diverso dagli altri, una piccola epica ambientata su un'isola e sul mare, dove temibili mostri marini giocano un ruolo di primo piano. Un libro sull'impossibilità di domare le forze più primordiali della natura; un libro sull'insondabile mistero delle acque e delle creature che vi dimorano.

6. Estia: Dea della casa. Un libro che leggeresti a tua figlia o a tuo figlio.

Dopo la rilettura di quest'estate (qui la recensione) non potevo rispondere diversamente. Questo libro è meraviglioso, bellissimo e pieno di spunti di riflessione. Allo stesso tempo, è un'avventura bellissima e un tripudio di creatività e immaginazione. Credo che sia un libro perfetto per far approcciare un ragazzino alla lettura, anche perchè un ragazzino ne è il protagonista.


7. Ermes: Messaggero degli Dei. Un libro che ti ha fatto venire voglia di fare altro.

Questo è uno dei miei libri preferiti in assoluto, uno di quelli che mi ha rapito il cuore, per tutta una serie di motivazioni. 
Uno degli aspetti che più mi ha colpita è la grande cultura dei personaggi e, indirettamente, della scrittrice. Mentre leggevo questo romanzo mi è tornata improvvisamente la voglia di studiare, e non cose a caso: latino, greco, letteratura. Materie umanistiche, insomma! Mi è nato prepotente il desiderio di sentirmi all'altezza, culturalmente parlando, di quei personaggi e di quella scrittrice. Se poi ho portato avanti questo rinnovato interesse per lo studio... Non ve lo dicoxD

8. Era: Moglie di Zeus e Regina vendicativa. Un libro che ti ha segnato interiormente.

Ecco un altro libro molto importante per me, anche se letto in un momento differente e se mi ha colpita per diverse motivazioni.
Grotesque non è una bella storia, nessuna delle storie della Kirino lo è. Questo libro si nutre delle angosce e delle insicurezze dei suoi protagonisti, le esaspera, le schernisce, le porta all'estremo, fino a creare personaggi al limite del reale, personaggi grotteschi.
Ho amato questo libro, ma mi è rimasto dentro come un verme nella mela, infettando i miei pensieri e le mie emozioni per molto tempo dopo che lo avevo chiuso. Ognuno di noi si riconosce, almeno un po', in questi personaggi. Ognuno di noi ne ha sperimentato, almeno una volta, la gelida solitudine. 
Il libro si mangia, ma dopo lascia quel vago senso di malessere e di angoscia tipico dei libri che vanno oltre ciò che appare e rivoltano senza pietà quello che c'è dietro.

9. Efesto: Dio del fuoco. Un libro passionale.

Con la scusa del Book Tag vi sto piazzando tutti i miei libri preferitixD
Jane Eyre vi sorprenderà come scelta, ma credo che la passione sia qualcosa di molto più profondo che non una scena di sesso spinto. E in questo libro la trovate. 
Appassionato è l'amore di Jane per Rochester e quello di lui per lei; appassionati sono loro, presi singolarmente, brutti e strani, originali e un po' scostanti, ma che nascondono il tumulto delle vere emozioni, al contrario di certi manichini. Appassionati sono gli stati d'animo che ci suscita questo libro meraviglioso.

10. Ade: Dio dell'oltretomba. Un libro che non ti ha suscitato sentimenti.

Vi propongo una mia recente lettura! Nonostante le mie ottime intenzioni e i presupposti intriganti, questo libro non mi ha detto assolutamente nulla. Tanto da non saper che altro aggiungere, in effettixD







Con questo il tag è finito! Taggo Lakedamia Bocconcino del blog The Reading Pal, che ho idea si divertirà moltissimo a farlo:)
Un saluto

Virginia

20 commenti:

  1. Buon weekend carissima Virginia, sono proprio felicissima di sapere che la pensiamo proprio allo stesso modo su Piccole donne, La storia infinita e Jane Eyre... stupendi anzi meravigliosi! <3 <3 Un bacione grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ely, io invece ti auguro una buona settimana invece, visto che riesco a risponderti solo oggixD
      Quei tre libri sono meravigliosi e sono solo felice che tu la pensi come me*-*
      Un bacio!

      Elimina
  2. Ciao Virginia, che bel booktag, magari prima o poi lo faccio anch'io ;-)
    Io non sono molto appassionata di fantasy, ma ho letto il primo libro di Harry Potter e ho intenzione di proseguire (e da piccola ho letto anche la storia infinita). Concordo poi sia su Piccole Donne sia su Jane Eyre, una storia che dimostra come la passione possa essere descritta senza scene spinte, grazie alla bravura dell'autrice! Buona giornata :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ariel, grazie mille! Fallo anche tu, che sono curiosa!
      Ognuno ha un suo gusto ed è bello così, perchè in questa maniera ci si possono consigliare tanti titoli diversi e scoprire nuovi amori*-*
      Buona giornata anche a te:)

      Elimina
  3. Scelte interessanti! Grotesque mi ispira, non lo conoscevo!

    Oggi c'è una recensione sul blog, ma domani la faccio aahaha Che idea figa *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie:) Grotesque è un pugno nello stomaco, in caso preparatixD

      Elimina
  4. Ciao cara Virginia, anche questo è un bellissimo book tag. Mi trovo d'accordo con te su tante cose. Sulla storia infinita da far leggere ad un figlio, lo trovo perfetto, è stato il libro e il film della mia infanzia. Rappresentativo direi. Poi trovo la scelta di Jane Eyre perfetta e mai parole furono più vere nell'ammettere che non serve sesso esplicito o sensualità sbandierata per raccontare e sentire e vivere una passione. La distorsione di Jane e Rochester è una delle passioni più tormentate e drammatiche che io abbia letto.
    Infine mi incuriosisce moltissimo Grotesque, oltre al fatto che ti ha segnato e questo è già importante ma anche il tuo dire che è angosciante e che credo sia capace di corrodere, a quanto ho capito. Direi che rientra perfettamente nelle mie corde!
    Un abbraccio forte! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonietta, sono felice che ti piacciano il tag e le mie scelte! Jane Eyre, in particolare, mi è venuto subito in mente per quel punto, perchè vi è una tensione sessuale mai esplicitata o "razionalizzata". Insomma, la Bronte riesce a coinvolgere molto di più di alcuni scrittori moderni, e senza descrivere quasi un bacio!
      Grotesque mi sembrerebbe perfettamente nelle tue corde, in effetti! Pane per i tuoi denti, anche se è davvero angosciante (per me, in ogni caso, lo è stato).
      Un abbraccio!

      Elimina
  5. Ciao Virginia! Bellissimo booktag, soprattutto per l'originale tema degli dei dell'Olimpo. Sono molto d'accordo su Harry Potter, su Piccole Donne e su Jane Eyre. Mi incuriosisce moltissimo Dio di Illusioni :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia, grazie mille (anche se non posso avere l'onore della freazione del booktagxD).
      Lo sapevo che su HP saresti stata d'accordo:)
      Dio di illusioni è davvero molto bello, te lo consiglio assolutamente!

      Elimina
  6. Ciao Virginia, che meraviglia questo booktag... Quasi quasi lo riprongo sul mio blog ❤

    RispondiElimina
  7. Brava Virginia, ti nominerò ancora nei prossimi tag XD
    Forse te l'ho pure già detto ma.. Grotesque mi ispira *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah, fallo pure, che io li amo (anche se non aiutano la mia logorreaxD)!

      Elimina
  8. Ciao Virginia, carinissimo questo booktag *_* Io ho adorato Piccole donne e La storia infinita e mi incuriosisce molto Grotesque :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria, grazie (fallo anche tu!!).
      Piccole donne e La storia infinita sono meravigliosi, una gioia per il cuore*-*
      Ecco, Grotesque è un po' meno gioioso (eufemismo)xD

      Elimina
  9. che carino questo tag! E che peccato per la saga dei Malazan, ho comprato anche io i primi tre in blocco, ma non li ho ancora letti. Li ho in ebook se non mi convincono soffro meno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie:)
      Be', Malazan è una mia opinione, spero moltissimo che per te non sia così! Comunque, tre eBook sono molto meglio di cinque cartacei, se va male puoi dimenticarlixD

      Elimina
  10. La Kirino!!!!! *_* Grotesque è un libro che mi è davvero piaciuto molto, anche se concordo sulla sensazione di malessere!
    E il tag mi è piaciuto tantissimo! Se riesco tornerò a rubartelo! ;P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che sei una delle prime persone a dirmi di aver letto questo libro?? Non sai come sono felice che sia piaciuto anche a te!
      Il tag è troppo carino, fallo anche tu che sono curiosissima:)

      Elimina