mercoledì 27 luglio 2016

W... W... W... Wednesday#1



Immagine trovata su Google e NON creata da me!

Questo post è un esperimento. Da una parte voglio vedere se si pubblicherà magicamente nella data impostata (mercoledì 27/7), dall'altra voglio un po' variare il blog e renderlo un po' più dinamico con nuove rubriche, rapide da preparare ma molto carine (almeno secondo me:)).

Questa in particolare, diffusissima sul web, è stata creata dal blog Should Be Reading e consiste nel rispondere a tre semplici domande:

What are you currently reading? (Cosa stai leggendo?)

What did you recently finish reading? (Quale libro hai appena finito di leggere?)

What do you think you'll read next? (Qual è il prossimo libro che pensi di leggere?)

Eccovi le mie risposte, è scontato che avrò grande piacere nel sapere le vostre, quindi scrivetele pure nei commenti o, in alternativa, linkatemi il vostro blog, se tenete la rubrica:)

WHAT ARE YOU CURRENTLY READING?


Appena mette piede nella sua stanza d’albergo sulla Costa Brava, il giovane Udo Berger ottiene, dopo molte insistenze, che gli venga portato un grande tavolo, sul quale piazza il wargame di cui è campione assoluto e di cui intende elaborare nuove e più audaci strategie: il Terzo Reich. L’atmosfera è delle più beatamente, ottusamente balneari. Eppure, quasi subito, sentiamo che non tutto è luce, e che nell’ombra sono in agguato fantasmi inquietanti. Né ci vorrà molto perché la liscia superficie della routine vacanziera si incrini: e dalle fenditure vedremo apparire qualcosa in cui non potremo che riconoscere il Male. A mano a mano che l’estate si spegnerà, l’albergo, svuotandosi, assomiglierà pericolosamente a quello di Shining – mentre noi, insieme a Udo (sempre più ossessionato dal suo gioco, e risoluto a trovare il modo di portare alla vittoria l’esercito tedesco nella seconda guerra mondiale), cominceremo a interrogarci sugli eventi ominosi a cui andiamo assistendo. A chiederci, per esempio, che cosa abbia davvero in mente Frau Else, l’affascinante ed enigmatica proprietaria dell’albergo, o perché il Bruciato, l’uomo dal corpo e il volto coperti di cicatrici ripugnanti che vive sulla spiaggia, abbia ingaggiato contro Udo una lunghissima partita di Terzo Reich – una partita che sembra trasformarsi, a poco a poco, in una cruenta, allucinata «lotta per la vita e per la morte». Ma soprattutto ci chiederemo per quali tortuose vie quel che avviene nel gioco influenzi gli avvenimenti del mondo reale – o non è piuttosto il contrario? Pubblicato a sette anni dalla morte dell’autore, questo romanzo del primo Bolaño rivela già tutta la forza e la sapienza della sua scrittura, la sua capacità di evocare atmosfere di sorda, velenosa minaccia.

Finalmente sono riuscita ad approcciarmi a questo autore. Sono ormai oltre la metà e questo libro e spero di potervi lasciare presto la mia opinione!

WHAT DID YOU RECENTLY FINISH READING?


Il professore è il primo romanzo scritto da Charlotte Brontë. Inizialmente rifiutato dagli editori perché giudicato troppo realistico, fu pubblicato solo nel 1857, due anni dopo la morte dell’autrice. Il protagonista è William Crimsworth, primo e unico narratore maschile da lei utilizzato, il quale racconta in prima persona la sua storia: uomo sensibile e colto, fugge da un lavoro pesante e competitivo nella zona industriale dello Yorkshire e si trasferisce in Belgio per insegnare presso un istituto femminile. Qui conosce Frances Henri, studentessa indigente e particolarmente dotata della quale poco alla volta si innamora, corrisposto. Ma la coppia non avrà vita facile: saranno infatti molte le avversità che i due dovranno affrontare – a cominciare dall’aperta ostilità dell’astuta direttrice della scuola – prima di riuscire a coronare il loro amore.

Come VilletteIl professore prende spunto dall’esperienza personale della Brontë, che nel 1842, quando studiava il francese a Bruxelles, si innamorò del suo insegnante, Monsieur Héger (una relazione che non ebbe però un lieto fine). Lettura trascinante, il romanzo formula un’estetica nuova, mettendo in discussione molti dei presupposti su cui era basata la società vittoriana e rivelandosi come precursore dei lavori più maturi dell’autrice: l’approfondimento psicologico dei personaggi e la vivacità descrittiva degli ambienti in cui si muovono sono chiaramente riconducibili al genio di Charlotte Brontë.


Con questo libro ho finito la bibliografia delle sorelle Bronte (sigh!) e l'ho recensito qui

WHAT DO YOU THINK YOU'LL READ NEXT?


«Città amara è il rovescio del sogno americano», scrive Joyce Carol Oates. È proprio al sogno di fama e ricchezza, però, che guardano Ernie Munger, giovane pugile di deboli ma ancora non sopite speranze, e Billy Tully, duramente provato dalle delusioni subite dentro e fuori dal ring. Entrambi vivono nella piccola città di Stockton, in California, frequentano la stessa palestra e sperano di poter prima o poi conquistare un posto al sole nel circuito dei professionisti. Ernie e Billy si conoscono appena ma le loro vite, come quelle di molti altri del giro, procedono inciampando negli stessi passi falsi, tra amori sfortunati, lavoretti precari e sbornie colossali consumate in squallidi bar.
Con uno stile asciutto e privo di sentimentalismi, Leonard Gardner tratteggia mirabilmente il lato oscuro della boxe, popolato da quei proletari dei guantoni che si muovono nelle pieghe di un’America opulenta e vincente, troppo spesso dimentica di quanti non ce la fanno e restano indietro.
Città amara, un classico della letteratura sulla boxe, è stato pubblicato nel 1969 e successivamente è divenuto un film di culto diretto da John Huston.

«Un perfetto concentrato di storia americana. Indimenticabile»
Joyce Carol Oates 
«Gardner ha ridato dignità a un mondo raramente esplorato con tale poesia e padronanza».
«New York Times Book Review»
Ragazzi, questo libro mi ispira dalla pubblicazione, non vedo l'ora di leggerlo! E poi, diciamocelo, vorrei almeno provare a rientrare nei tempi bibliotecari e a non fare la buzzurra come mio solitoxD
Con questo ho finito. Condividete pure con me le vostre risposte e i vostri blog, se tutto va bene vi riaggiornerò con le mie letture la settimana prossima e dita incrociate per la pubblicazione programmata!

Virginia










20 commenti:

  1. Tre titoli che non conosco, ma Terzo Reich sembra veramente interessante
    Qui il mio www http://librialcaffe.blogspot.it/2016/07/www-wednesday-n72.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A dire il vero io l'ho trovato un po' stranoxD Vengo subito a dare una sbirciata;)

      Elimina
  2. Un po' in ritardo ma arrivo anch'io! :)
    Conoscevo solo il libro che hai già finito di leggere (e che hai anche recensito), ma la tua attuale lettura sembra interessante! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meglio tardi che mai;) Scherzo, pure io arrivo sempre un po' dopoxD Bolano è particolare, sicuramente, e non del tutto nelle mie corde. Probabilmente mi sono persa qualcosa, in questa lettura, ma questo è solo il mio gusto:)

      Elimina
  3. Che titoli interessanti! ^^
    Il professore voglio leggerlo anche io da un sacco di tempo, ma ogni volta rimando. y.y

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Grazia, benvenuta sul blog:) Il professore te lo consiglio, ma non come prima lettura di Charlotte Bronte (se hai già letto altro è un discorso diverso). Sono curiosa di sapere la tua opinione, in caso:)

      Elimina
  4. Ho sentito grandi opinioni della scrittura di Bolano e prima o poi vorrei leggere qualcosa di suo.
    Io al momento sono ferma con le letture perché mi sto concentrando sulle illustrazioni che devo consegnare entro i primi di settembre. Comunque:
    1. sto tentando di finire il libro su Adriana Asti e un romanzo ironico su Shakespeare;
    2. l'ultimo letto è "Togliamo il disturbo" di Paola Mastrocola;
    3. mi riprometto di leggere in autunno "L'ultimo ballo di Charlot"

    P. S. Ti ho aggiunto al mio blogroll. ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A dire il vero non mi ha fatta impazzirexD Non ho legato molto con questo libro, non l'ho capito e mi è rimasta un po' sul gozzo questa cosa. Ho deciso che, in futuro, leggerò qualcos'altro, perchè non voglio rassegnarmi! Mmm, sono curiosa su L'ultimo ballo di Charlot, poi mi saprai dire:) E grazie!

      Elimina
  5. Eccomi Virginia! ^_^ che bello sono felice che inauguri il www <3 <3 <3 <3 Lo sai perfettamente quanto ami la tua lettura appena conclusa e adesso non vedo l'ora di leggere la tua recensione del libro in corso *_* un abbraccione grande grandissimo!
    http://ilregnodeilibri.blogspot.it/2016/07/w-w-w-wednesdays_27.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Ely, spero di tirare fuori qualcosa di sensato perchè è stata una lettura un po' caotica - almeno per mexD Un abbraccio (sono già venuta a sbirciare il tuo www, anche se un po' in ritardo:)) <3

      Elimina
  6. Ciao Virginia, interessantissime le tue letture. Dopo aver letto la recensione de Il professore della nostra amata Charlotte, sono molto curiosa di leggere la tua opinione sul libro di Bolano, autore di cui non ho ancora letto nulla, motivo in più per leggere con piacere cosa ne pensi tu.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie:) Spero di scrivere una recensione degna di nota, perchè in molti state dimostrando interesse:) Un abbraccio!

      Elimina
  7. In ritardissimo ma sono contenta di aver preso parte all'inaugurazione del WWW sul tuo blog!!! È una bella rubrica e si scoprono sempre titoli nuovi come “Città amara”, mi sembra molto interessante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Clary, benvenuta sul blog:) Non preoccuparti del ritardo, anch'io ti ho commentata solo oggi mi sembraxD Anche a me piace molto come rubrica: è veloce da preparare e, come dici tu, suggerisce un sacco di titoli interessanti! Sono contenta che ti interessi Città amara perchè io ne sono stata intrigata fin dal titolo dal giorno della pubblicazione:) A presto!

      Elimina
  8. Ciao! Città amara non lo conoscevo, ma sembra decisamente interessante! Aspetterò con ansia una tua recensione xD (No pressioni, tranquilla ahahah)
    A presto!
    -G

    RispondiElimina
  9. Interessante questa rubrica! Anche se non avrei mai la costanza di portarla avanti XD
    Non conosco i titolo che hai messo, fatta eccezione per Il professore, ma sembrano molto interessanti. Ne terrò conto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà anch'io farò fatica, però ho deciso almeno di provarci, giusto per movimentare un po' il blog:) Sono contenta se ti ho proposto qualcosa di interessante:)

      Elimina
  10. Mi ispirano molto gli ultimi due! *____*
    Sai che non ho mai letto nulla di Charlotte Bronte? La mia eterna devozione è andata sempre (e sempre andrà) a sua sorella Emily, suppongo, però mi piacerebbe cominciare a recuperare qualcosa, prima o poi! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sophie:) Anch'io amo moltissimo Emily, però trovo incredibili anche le sorelle (Anne un po' meno, anche se La signora di Wildfell Hall è notevole, a mio parere). Charlotte, poi, è stata uno dei miei primi amori e ti consiglio moltissimo Jane Eyre e Villette! Fammi sapere qualcosa, se poi la leggi:)

      Elimina