sabato 17 settembre 2016

Book Haul di compleanno



Carissimi lettori del blog, dovete sapere che uno dei post (o dei video) che amo di più ha per oggetto i Book Haul. Si, lo confesso, provo un sottile piacere misto a dolore (50 sfumature mi fa un baffo) nel contemplare tutti i vostri acquisti e nel veder aumentare vertiginosamente la mia wl senza muovermi da casa.
Questa volta, però, il Book Haul è il MIO.
Ebbene si. Dovete sapere che l'8 settembre cade il mio compleanno e, da non so quanti anni a questa parte, ho finalmente ricevuto LIBRI. Fra l'altro, sottolineo che sono stati pilotati, perchè ho fornito io la lista da cui scegliere per essere almeno un briciolo sorpresa, ma dettagli. Quel che conta è che ho cominciato a livellare (illusa!) la mia wl, ricevendo in dono dei libri meravigliosi, bellissimi e bla, bla, bla.
Ma iniziamo subito, perchè non sto nella pelle dall'idea di condividere con voi le new entry della mia libreria!

Non poteva assolutamente mancare l'ultima pubblicazione Collins targata Fazi Editore. Dovete sapere che ho scoperto di amare follemente Wilkie Collins e i suoi romanzi mattone di mistero, amore, intrighi, tradimenti e indagini poliziesche. Si, è un mio guilty pleasure, e la Fazi non mi aiuta sicuramente, con queste cover bellissime ed eleganti. Lo ammetto: preferisco spendere di più e accaparrarmi l'edizione Fazi che non risparmiare e comprare la Newton Compton.
Sorry not sorryxD

La pietra di Luna, prezioso e antico diamante giallo originario dell’India, dopo una serie di avventurose vicissitudini sopportate nel corso dei secoli, giunge in Inghilterra e viene donata a una giovane nobildonna di nome Rachel Verinder nel giorno del suo diciottesimo compleanno. Il gioiello, di valore inestimabile, scompare in circostanze misteriose quella notte stessa e un famoso investigatore, il sergente Cuff, viene incaricato di ritrovarlo. L’indagine, per quanto accurata, non porta ad alcun risultato e causa, anzi, sgomento e confusione sia tra i membri della famiglia Verinder che nella servitù. Il romanzo, in cui tutti i personaggi sono apparentemente innocenti ma allo stesso tempo possibili colpevoli, si sviluppa seguendo le sorti della pietra di Luna, in un groviglio di eventi drammatici raccontati, di volta in volta, dai diversi protagonisti.
A fare da sfondo a questo giallo così magistralmente costruito c’è una romantica storia d’amore che, insieme alla suspense e alla curiosità, tiene il lettore avidamente inchiodato al libro dalla prima all’ultima pagina. Unanimemente riconosciuto come uno dei più grandi capolavori di Wilkie Collins, La pietra di Luna, alla sua uscita nel 1868, consacrò il clamoroso successo dell’autore e riuscì addirittura a destare l’invidia di Charles Dickens, suo grande amico e maestro.
«Probabilmente il miglior romanzo poliziesco mai scritto».
G.K. Chesterton
«Il primo e il più grande romanzo poliziesco inglese, un genere scoperto da Collins, non da Poe».
T.S. Eliot
«Un testo esemplare. Un romanzo ragguardevole, avvincente, opportunamente fluviale e, insieme, un libro-simbolo del noir».
«Panorama»
«L’impero, la grande tradizione letteraria, l’immobilità sociale, l’ironia e il patetico, l’ordine e la trasgressione. C’è molta Inghilterra vittoriana in questo poliziesco. Il pubblico, e Dickens, lo capirono».
«Il Sole 24 Ore»


Dovete sapere che quest'inverno mi sono follemente innamorata di John Steinbeck. Di suo ho letto, per ora, solo Furore e La valle dell'Eden (uno più bello dell'altro, capolavori assoluti), ma poi mi sono fermata. Ho dunque inserito in lista un altro suo romanzo (racconto lungo, più che altro) estremamente famoso, che mi incuriosisce da tempo. Spero che sia all'altezza degli altri due, ma sarebbe ingiusto paragonare un racconto di poco più di 100 pagine con due mattoni di 600 e passa.

Pensato per un pubblico - i braccianti della California - che non sapeva né leggere né scrivere, "Uomini e topi" (1937) è un breve romanzo, ricco di dialoghi, che, nelle intenzioni di Steinbeck, avrebbe dovuto essere in seguito adattato, come difatti avvenne, per il teatro e per il cinema. Protagonisti, due lavoratori stagionali, George Milton, e l'inseparabile Lennie Little, un gigante con il cuore e la mente di un bambino, che il destino e la malizia degli uomini sospingono verso una fine straziante. Il ritratto di un'America stretta dalla sua peggiore crisi economica nella drammatica rappresentazione di un maestro.




Dopo La Storia, non potevo certo fermarmi con Elsa Morante:) Ero un po' indecisa se chiedere questo o Menzogna e sortilegio, ma dopo la bellissima recensione di Athenae Noctua de L'isola di Arturo ho deciso che il prossimo titolo doveva essere questo:)

Il romanzo è un'esplorazione attenta della prima realtà verso le sorgenti non inquinate della vita. L'isola nativa rappresenta una felice reclusione originaria e, insieme, la tentazione delle terre ignote. L'isola, dunque, è il punto di una scelta e a tale scelta finale, attraverso le varie prove necessarie, si prepara qui, nella sua isola, l'eroe ragazzo-Arturo. È una scelta rischiosa perché non si dà uscita dall'isola senza la traversata del mare materno; come dire il passaggio dalla preistoria infantile verso la storia e la coscienza.


Questo libro ha una storia strana. Lo avevo adocchiato in libreria più di un anno fa, però costava troppo. Un giorno decisi di comprarlo: all'uscita dal corso lo avrei preso. Quel pomeriggio, però, uscii con un'amica e con quei soldi mi comprai un vestito.
A dimostrazione che un vestito si dimentica ma un libro è per sempre, il vestito lo indossai una volta e il libro non comprato mi rimase sul gozzo, fino ad ora. Sono impaziente di leggerlo e spero proprio che sia all'altezza delle mie aspettative (fra l'altro, è il mio primo Iperborea*-*).

Ci sono libri che danno pura gioia, facendo vibrare dentro di noi tutte le corde del nostro amore per la lettura: il racconto trascinante unito a temi che ci toccano nel profondo, la suspense e l’avventura e un sottile gioco letterario che stimola la nostra complicità, una documentata ricostruzione storica e il fascino di personaggi più grandi del reale, nati già immortali. È quel che capita con il romanzo di Björn Larsson: ci ritroviamo adulti a leggere una storia di pirati con lo stesso gusto dell’infanzia, riscoprendo quella capacità di sognare che ci davano i porti affollati di vascelli, le taverne fumose, i tesori, gli arrembaggi, le tempeste improvvise e le insidie delle bonacce, come anche il semplice incanto del mare e la sfida libertaria di ribelli contro il cinismo dei potenti. In più con la sorpresa di vederci restituito, in tutta la sua ambigua attrazione e vitalità, uno dei personaggi che davano a quell’infanzia l’emozione della paura: chi racconta in prima persona è Long John Silver, il temibile pirata con una gamba sola dell’Isola del Tesoro, fatto sparire da Stevenson nel nulla per riapparirci ora vivo e ricco nel 1742 in Madagascar, intento a scrivere le sue memorie. E non è solo a quell’“e poi?” che ci veniva sempre da chiedere alla fine delle storie che risponde Larsson, è al prima, al durante, al dietro: com’era il mondo all’epoca della pirateria, i legami con il commercio ufficiale, la tratta degli schiavi, il contrabbando, le atroci condizioni dei marinai, i soprusi dei capitani, il codice egualitario dei pirati, le loro efferatezze e quelle contro cui si ribellavano, le motivazioni e le ingenuità dei grandi “gentiluomini di ventura”. Ma è a un personaggio letterario che è affidato il compito di rivelare la “verità”, un personaggio cosciente di esistere solo nelle parole, che dialoga in un pub di Londra con Defoe fornendogli notizie per la sua storia della pirateria, che risponde a Jim Hawkins dopo aver letto L’Isola del Tesoro, e che, in quel continuo gioco di rimandi, indaga sul rapporto tra realtà e invenzione, sete di vivere e bisogno di immortalità, solitudine e libertà, con la consapevolezza che non esiste altra vera vita di quella che raccontiamo a noi stessi.




E infine, il meglio (per modo di dire, perchè io li amo tutti, tutti*-*). 
Ho letto questa trilogia quest'inverno e l'ho amata. Profondamente, visceralmente, intensamente. L'ho amata così tanto che, quando l'ho chiusa, ho sentito un vuoto, così tanto che la didascalia del blog (My spirit is forever free) viene da qui, così tanto che ho rotto le balle a mia sorella finchè non l'ha letta, nonostante sia in inglese. 
Insomma, ho amato questi libri. Tantissimo. 
Mia sorella mi ha fatto una sorpresa e mi ha regalato il cartaceo dell'intera trilogia.
Non potete capire cosa questo significhi per me. Io amo questi libri, li farei leggere a tutti, e amo questa scrittrice. Avere la trilogia in cartaceo è meraviglioso e sto ancora fangirlando.

Its name is spoken only in whispers, if the people of Alban dare to speak it at all: Shadowfell. The training ground for rebels seeking to free their land from the rule of the tyrannical king is so shrouded in mystery that most believe it to be a myth.
But for Neryn, Shadowfell’s existence is her only hope. She is alone and penniless, a fugitive concealing a magical power that will warrant her immediate enslavement should it be revealed. She finds hope of allies in the Good Folk, fey beings who taunt her with chatter of prophecies and tests; and in a mysterious stranger who saves her from certain death but whose motives remain unclear.
Will Neryn be forced to make the dangerous journey alone? She must reach Shadowfell, not only to avenge her family and salvage her own life, but to rescue Alban itself.

Questi sono i libri, anche se manca il regalo dei miei nonni. Ma per quello, quando lo avrò, vi piazzerò una bella foto su InstagramxD
Bene bene, questo per ora è tutto! Ci risentiamo:-*

Virginia


18 commenti:

  1. Quanti bei libri :) Wilkie Collins e John Steinbeck li ho anche io in wish list... e ti capisco quando parli della Fazi e della Newton: anche io preferisco spendere un poco di più perché a volte le edizioni della newton non sono così curate...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, lo so*-* Li miravo da una vita e sono ancora felicissima di averli ricevuti*-* Ti consiglio sia Collins che Steinbeck, ma soprattutto quest'ultimo, un autore imprescindibile, a mio parere, che ha scritto due capolavori della letteratura (gli altri vedremo:))!

      Elimina
  2. Anche a me piacciono i book haul, ma non ne ho mai fatti, probabilmente per il fatto che ogni volta lo dimentichi sempre ^^"
    Bel bottino comunque! Io ormai ho perso le speranze, non mi regaleranno mai libri per il compleanno, ma va bene così (fino a quando non regalano cretinate). I soldi vanno più che bene, così posso scegliere direttamente io il libro (ed evitare che gente mi regali l'intera saga di After D:), anche se per il mio ultimo compleanno mi era passata per la mente di fare una lista!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ne ho approfittato, perchè difficilmente ho tanti libri da mostrare di pacca. Se tutto va bene, il prossimo sarà per Natale, dove penso di adottare la stessa strategia:)
      Guarda, anch'io ho sempre chiesto soldi per lo stesso motivo, però così si perdeva la sorpresa e poi ero un po' stanca. Insomma, tutti sanno che la mia grande passione sono i libri e nessuno che me ne regali?? Alla fine, per evitare lo stesso inconveniente da te scritto, ho fatto una lista bella lunga, così avrei avuto dei libri per me interessanti e anche un pizzico di sorpresa:)

      Elimina
  3. Adoro i Book Haul, anche se non ne ho mai fatti. Mi piace guardali su youtube e leggerne sui blog!
    I libri sembrano davvero interessanti *_*

    E BUON COMPLEANNO (in ritardo......)

    RispondiElimina
  4. Wow Virginia quanti libri bellissimiiii *_* Li adoro! Il primo libro poi lo corteggio da quando è uscito, non vedo l'ora di leggerlo <3 Un bacione e buon weekend!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie*-* La pietra di Luna lo sto leggendo ora e te lo consiglio molto (anche se non è il mio preferito di Collins):)

      Elimina
  5. Ciao Virginia! La pietra di luna è un gioiellino! <3 Non sai quanto vorrei acquistarlo! Mi fa impazzire tutto di questo romanzo. Leggerò con piacere la tua recensione e avrò sicuramente ancora di più gli occhi a cuoricino al pensiero!
    Ma vogliamo parlare de L'isola di Arturo? Io sono innamorata di questa frase:
    Quelli come te, che hanno due sangui diversi nelle vene, non trovano mai riposo né contentezza; e mentre sono là, vorrebbero trovarsi qua, e appena tornati qua, subito hanno voglia di scappar via. Tu te ne andrai da un luogo all’altro, come se fuggissi di prigione, o corressi in cerca di qualcuno; ma in realtà inseguirai soltanto le sorti diverse che si mischiano nel tuo sangue, perché il tuo sangue è come un animale doppio, è come un cavallo grifone, come una sirena. E potrai anche trovare qualche compagnia di tuo gusto, fra tanta gente che s’incontra al mondo; però, molto spesso, te ne starai solo. Un sangue-misto di rado si trova contento in compagnia: c’è sempre qualcosa che gli fa ombra, ma in realtà è lui che si fa ombra da se stesso, come il ladro e il tesoro, che si fanno ombra uno con l’altro.
    Adoro alla follia questa citazione che rappresenta tantissimo cose per me.
    Purtroppo però ancora devo leggerlo. E lo so, è una mancanza senza pari.
    Intanto però due settimane fa ho comprato tre libri di Marguerite Duras, non so se tu hai mai letto qualcosa di questa autrice che ho scoperto da pochissimo. Ne sono rimasta folgorata. Spero che il mio istinto non abbia sbagliato e avrò conferma quando leggerò.
    Nei miei prossimi acquisti c'è sicuramente L'isola di Arturo.
    Ma non mancherò di leggere la tua recensione.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io amo Collins e questo romanzo non mi sta deludendo (anche se il mio preferito rimane La donna in bianco, podio imbattuto).
      Grazie per la citazione da te condivisa dell'Isola di Arturo, è bellissima, ma non ne avevo dubbi, dopo un capolavoro come La Storia. Adesso muoio dalla voglia di leggerlo*-*
      Non ho mai letto nulla della Duras, ma mi incuriosisce da molto.
      Ahah, ti capisco, anch'io tendo a seguire l'istinto e a farmi prendere un po' la manoxD Mi piacerebbe molto leggere una tua recensione sulle opere di questa scrittrice, per farmene un'idea più precisa:)
      Poi fammi sapere per L'isola di Arturo!
      Un abbraccio:)

      Elimina
  6. Che belle nuove entrate nella tua libreria! ^^
    Sono parecchio incuriosita da La pietra di luna, di Collins ho letto solo Armadale e mi è piaciuto tantissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie:)
      Io amo tutto di Collins e La pietra di Luna, che sto leggendo ora, non è da meno, però il mio preferito per ora rimane La donna in bianco, seguito a ruota da Armadale*-*

      Elimina
  7. Oddio l'ultima trilogia mi ispira tantissimissimo! Ma solo io sono sfigata e non ottengo valanghe di libri al compleanno (con tutto che tutti amici e parenti hanno la lista)?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ultima troilogia è bellissima, se leggi in inglese DEVI leggerla (come tutto il resto della Marillier, IO LA AMO*-**-*).
      A me per anni di libri neanche a parlarne, poi mi sono rotta (detta come va dettaxD), gli ho dato la lista in mano e ho detto che volevo SOLO libri. E ho tagliato la testa al toroxD

      Elimina
  8. A me nessuno regala libri per il compleanno..pur sapendo che sono i regali che preferisco..
    Comunque..quanti bei libri *_* Oggi avevo voglia di fare un bel giro in libreria e di acquistare un libro (solo uno, si si) e mi sa che opterò per La pietra di luna..mi è piaciuto a pelle, adoro i polizieschi e sicuramente sarà un ottimo acquisto..
    Buon fine settimana :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai provato a dare una lista e dirlo chiaramente? Nel mio caso ha fatto miracolixD
      Grazie! Anch'io di solito compro uno, massimo due libri in libreria, per questo non faccio mai Book Haul (il prossimo spero di poterlo fare per Natale, perchè significa che avrò ricevuto tanti bei libri*-*).
      Te lo consiglio assolutamente La pietra di Luna, come ogni altra opera di Collins*-*

      Elimina
  9. Quanti bei libri *__* Posso adottare per Natale i tuoi parenti e amici così regalano un po' di libri anche a me? XD
    Scherzi a parte, è da troppo che la Fazi Editore mi tenta con le sue bellissime copertine dei romanzi di Wilkie Collins ma mi frena sempre il genere poliziesco che non sono convintissima di apprezzare, insomma mi sta facendo impazzire! L'ultima trilogia che hai postato sembra molto interessante, ultimamente sono proprio in vena di una bella storia del genere e potrei farci un pensierino :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie*-* Guarda, per anni non ne ho ricevuti, finchè non ho preso io la situazione in manoxD
      Collins te lo consiglio moltissimo. Non è solo poliziesco ma un mix di gotico, mistery, giallo, love story e il tutto con lo stile degli scrittori dell'Ottocento. Insomma, per me è amore*-* Se non sei molto sicura, ti consiglierei di iniziare con La donna in bianco, che ad ora si mantiene il mio preferito: un po' lento agli inizi ma, una volta partito, impossibile staccarne gli occhi!
      La trilogia della Marillier è la mia gioia, te la consiglio moltissimo, la dimostrazione che, se lo scrittore è degno di essere definito tale, la letteratura di genere non ha nulla da invidiare alla narrativa*-*

      Elimina